Medio Oriente: Abu Mazen chiede a Biden di fermare l'aggressione israeliana

Il presidente palestinese ha discusso con l'inviato americano, Hady Amr, della grave situazione di Gerusalemme e dell'aggressione in corso a Gaza

Biden e Abu Mazen

Biden e Abu Mazen

globalist 17 maggio 2021
Il presidente americano Joe Biden in una telefonata con Abu Mazen ha espresso la necessità di ridurre le violenze tra Israele e Gaza e ristabilire per la calma i nMedio Oriente.
Il presidente palestinese Abu Mazen ha ricevuto oggi a Ramallah l'inviato americano, Hady Amr, a cui ha sottolineato "la necessità dell'intervento dell'amministrazione Usa per mettere fine all'aggressione e all'escalation israeliana ovunque e per avviare iniziative volte a una soluzione politica basata sulle risoluzioni delle Nazioni Unite e sul diritto internazionale".
Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa palestinese Wafa, il leader palestinese ha discusso con l'inviato americano della "grave situazione a Gerusalemme, in particolare delle aggressioni di polizia e coloni, e delle espulsioni forzate, della violenza dei coloni e dell'aggressione in corso a Gaza".
Abu Mazen ha ribadito che "mettere fine all'occupazione militare dei territori palestinesi, tra cui Gerusalemme Est, è un prerequisito per la sicurezza e la stabilità regionale".
Da parte sua, Amr ha sottolineato "la necessità di una de-escalation e ha riferito degli sforzi in atto da parte dell'amministrazione Biden insieme a tutte le altre parti per arrivare a questo obiettivo".
L'inviato americano ha ribadito quindi l'impegno dell'amministrazione per "portare la pace e garantire uguali opportunità a palestinesi e israeliani di vivere in dignità, sicurezza e prosperità, sottolineando l'importanza di agire verso una soluzione dei due Stati"