Nonostante le stragi il Texas (trumpiano) vuole libertà totale per le armi

Mentre al Congresso si sta discutendo la legge per limitare l'uso delle armi, in Texas procede l'iter legislativo per 'liberalizzare' completamente le armi

Armi da fuoco

Armi da fuoco

globalist 18 aprile 2021
L'annosa questione della libertà di acquisto delle armi negli Usa si è riproposta puntalmente anche con il presidente Biden che ne vorrebbe una limitazione.
Ma mentre nell'America in cui si sono registrate sei sparatorie di massa in sei settimane Joe Biden che chiede al Congresso di fermare "l'epidemia della violenza" approvando leggi più severe sul controllo delle armi, in Texas procede l'iter legislativo per 'liberalizzare' completamente le armi.
E' infatti stata approvata dalla Camera dei rappresentanti dello stato, fervente sostenitore dell'uso delle armi, la legge che, se verrà approvata al Senato, permetterà ad ogni texano over 21 di avere un'arma senza licenza, controlli e training.
Attualmente in Texas bisogna ottenere una licenza per avere il permesso di avere un'arma, ed un'ulteriore autorizzazione per poter circolare armati.
Ma la legge, che è stata chiamata dai suoi sostenitori ''Constitutional Carry'' con un riferimento al secondo emendamento, vuole eliminare queste restrizioni, cosa che del resto hanno fatto già altri 13 stati.
Insieme alla maggioranza di 84 deputati statali repubblicani, anche sette democratici hanno votato a favore della legge, mentre un solo repubblicano ha votato contro.
Ora la parola passa al Senato, sempre controllato dai repubblicani.