In Israele, legalizzata la "caccia" al pacifista: il caso Goldreich

Tel Aviv vuole negare al professore il Premio Israele per la matematica e l'informatica per le sue posizioni contro l'occupazione dei territori

La destra razzista in Israele

La destra razzista in Israele

Umberto De Giovannangeli 11 aprile 2021

Israele, la caccia i pacifisti è aperta. E c’è chi l’ha legalizzata.

A denunciarlo non sono i palestinesi o i loro “amici” europei. A darne conto è l’editoriale di Haaretz. 

“L'Alta Corte di Giustizia  - rimarca il giornale progressista di Tel Aviv - ha fornito preziose munizioni giovedì alle forze che perseguitano e mettono a tacere ogni critica all'occupazione israeliana nei territori. Accogliendo la richiesta del ministro dell’Educazione Yoav Gallant di riesaminare le dichiarazioni politiche del professor Oded Goldreich con l'obiettivo di negargli il Premio Israele per la matematica e l'informatica, i giudici hanno facilitato una pista separata per i sinistrorsi: anche se lo scienziato del Weizmann Institute alla fine riceverà il premio, non sarà come parte della cerimonia familiare, ma più tardi, in un luogo e in un momento sconosciuti, senza alcuna connessione con l'evento tenutosi il giorno dell'indipendenza. Forse nel seminterrato della casa di Gallant.

I giudici Isaac Amit, Noam Sohlberg e Yael Willner hanno accettato la posizione di Gallant - sostenuta anche dal procuratore generale Avichai Mendelblit - che è necessario più tempo per determinare se la firma di Goldreich su una petizione che chiede all'Unione Europea di cessare la cooperazione con l'Università Ariel - un'apparente violazione della cosiddetta legge sul boicottaggio - può essere ritenuta  una considerazione "esterna" che supera le considerazioni professionali per la concessione del premio. Quando l'esame sarà completato e verrà presa una decisione, la questione tornerà alla corte.

Nei prossimi 30 giorni, Gallant e i suoi aiutanti dell'organizzazione pro-insediamento Im Tirzu andranno a caccia di ogni possibile citazione di Goldreich che denunci l'occupazione e gli insediamenti. Con l'imprimatur dei giudici dell'Alta Corte, viene dato un premio ad ogni informatore e compilatore di liste nere. Come i rappresentanti dello stato hanno detto alla corte, la "caccia alla sinistra" potrebbe anche includere la convocazione di Goldreich a una sorta di udienza sulle sue opinioni. L'interrogatorio politico dei vincitori del Premio Israele è un chiaro segno del declino della democrazia israeliana. I giudici dell'Alta Corte hanno danneggiato la fiducia del pubblico nel Premio Israele e hanno dipinto i suoi destinatari con i colori delle richieste del regime al potere. L'anno scorso, l'Alta Corte di Giustizia ha respinto una petizione contro la concessione del Premio Israele in Cultura Torah al rabbino Yaakov Ariel, che ha fatto dichiarazioni anti-Lgbtq. Questa volta, non c'è stata alcuna difesa dei "commenti sgradevoli e offensivi" che sono protetti dalla libertà di espressione. La questione qui non è solo se Goldreich riceva o meno il premio a cui ha diritto, ma il tentativo di delegittimare un intero campo politico che si oppone alla continuazione dell'oppressione nei territori. La sentenza dei giudici non è altro che un vile appeasement del regime”.

Non chiamateli nazisti”.

Un regime sempre più radicalizzato a destra, dove cresce la forza di partiti e movimenti dai tratti marcatamente xenofobi, omofobi, fondamentalisti. Ogni definizione è lecita ma non quella di “nazisti”. Prezioso a spiegarne i perché è questo scritto di Anshel Pfeffer, corrispondente senior e editorialista per Haaretz, e corrispondente israeliano per The Economist.

L'unica volta che, nella foga di una discussione politica, ho chiamato qualcuno "nazista", mi sono subito scusato – esordisce Pfeffer -.

  Mi ha perdonato. È mio fratello, dopo tutto.

Non è una buona idea chiamare le persone "nazisti" o, in generale, trascinare qualsiasi altra terminologia del Terzo Reich nei dibattiti politici contemporanei. Mettendo da parte per un momento quanto sia offensivo, sa di malafede e mostra un'analisi approssimativa. Se stai cercando di fare un punto solido, e il meglio che puoi fare è usare l'ultima manifestazione del male nella storia moderna come base di paragone, probabilmente non sei su un terreno molto stabile. E l'analogia nazista è particolarmente problematica quando il confronto viene fatto in un contesto ebraico o israeliano. Se sei un critico delle politiche israeliane verso i palestinesi, e l'unico esempio storico di un'ingiustizia storica paragonabile che puoi tirare fuori è il regime che ha effettuato lo sterminio industriale di milioni di ebrei, allora sei probabilmente un antisemita. Se sei un ebreo che sbandiera la parola "nazista" a qualsiasi avversario politico, allora stai semplicemente esibendo una scioccante mancanza di rispetto per la storia del tuo popolo, forse anche della tua stessa famiglia. Non aiuta, naturalmente, il fatto che persone di ogni parte dello spettro politico continuino a farlo, compresi quelli che dovrebbero sapere meglio. Quando il defunto filosofo Yeshayahu Leibowitz ha messo in guardia da una fiorente "politica e mentalità giudeo-nazista", ha danneggiato la sua cogente critica della traiettoria di Israele dall'occupazione dei territori nel 1967. Invece di scioccare gli israeliani a riconsiderare i loro errori, ha sprecato la sua opportunità di avere un'influenza pubblica significativa, al di là di una piccola cerchia di devoti.

Allo stesso modo, un paio di anni fa, politici, attivisti e accademici americani hanno fatto lo stesso errore quando hanno paragonato la separazione dei bambini dai loro genitori nei centri di detenzione al confine meridionale ai "campi di concentramento". Invece di aiutare la campagna contro la brutale politica dell'amministrazione Trump, si sono impantanati in un'inutile discussione storica su un confronto piuttosto scadente. Quando diciamo che dobbiamo imparare dalla storia per non essere condannati a riviverla, intendiamo dire che dovremmo riconoscere il presente per quello che è. Questo non significa che la Germania nazista e l'Olocausto siano eventi storici unici che non potrebbero mai ripetersi in forme simili. Abbiamo visto, nei 76 anni dalla caduta del Terzo Reich, regimi totalitari assassini e atti organizzati di genocidio e pulizia etnica che in effetti ricordano. Ma segnalare questi eventi per le atrocità che sono, e cercare di evitare che ne accadano altri, significa anche non sminuire la più dannosa delle etichette storiche.

Il che mi porta ai più recenti sviluppi del discorso politico israeliano. Mercoledì, il dibattito si è intensificato sulla possibilità che Ra'am diventi il primo partito arabo israeliano a far parte di un governo e se, in tal caso, anche il partito di estrema destra Religious Zionism farebbe parte della coalizione. Poi il leader del partito del Sionismo Religioso, Bezalel Smotrich, ha detto al parlamentare della Joint List Ahmed Tibi su Twitter: "Un vero musulmano deve sapere che la terra d'Israele appartiene al popolo d'Israele e con il tempo, gli arabi come te che non lo riconoscono non resteranno qui... ci penseremo noi".

L'appello di Smotrich alla pulizia etnica, nientemeno che alla vigilia della Giornata della Memoria di Israele, ha suscitato le attese condanne. Poche ore dopo ha risposto ai critici che lo accusavano di discorso nazista:

"Vedo qui con tristezza che c'è chi... si ostina a paragonare l'aspirazione alla vita del popolo ebraico nella sua terra... e la guerra esistenziale impostaci da coloro che negano il nostro diritto all'esistenza come stato ebraico, alla crudele maledizione di morte dei nazisti. Deploro questa profanazione della memoria dell'Olocausto e dei sei milioni". Minacciare gli abitanti palestinesi di questa terra con la pulizia etnica rende Smotrich degno dell'etichetta della parola N? Ammettiamolo, molti di noi che hanno letto il suo tweet hanno immediatamente fatto questo collegamento nella nostra mente. Ma chiamarlo così, o condannarlo per aver giustificato le sue minacce nel contesto della resurrezione del popolo ebraico dopo l'Olocausto, significa stare alle sue regole. Non dovremmo discutere con Smotrich che l'annientamento di un terzo della nostra nazione non dovrebbe significare solo "Mai più per noi", ma "Mai più per nessuno". Ma dobbiamo farlo, perché Smotrich da solo non è il problema. Il problema sono i 225.641 cittadini che hanno votato per la sua lista di neo-kahanisti e omofobi il 23 marzo, e i molti altri israeliani che vogliono che il suo partito del sionismo religioso faccia parte di un governo. Smotrich ha una visione del "giudaismo autentico" che si basa in gran parte sulla sua ignoranza della storia ebraica, sulle sue tendenze razziste e sull'atmosfera degli insediamenti in Cisgiordania dove è cresciuto e ha studiato. Un altro filosofo israeliano, Moshe Halbertal, ha paragonato queste tendenze al movimento Volkisch tedesco che iniziò alla fine del XIX secolo e fu un precursore del nazismo.

"La storia della leadership politica della destra religiosa", ha detto Halbertal in una conferenza 15 anni fa, "può essere tracciata dal bel volto luminoso del rabbino Kook al pugno brutale del rabbino Kahane. In definitiva, in un calcolo ebraico, queste correnti della destra religiosa sono la conduttura che trasferisce i liquami europei nel cuore dell'ebraismo". 

Un altro problema con i paragoni alla Germania nazista è che li facciamo con il senno di poi. Sono paragoni allo stato finale di ciò che i nazisti hanno fatto alla fine. Ma il nazismo e i suoi precursori furono fondati nella battaglia per l'anima del popolo tedesco, e dobbiamo riconoscere che altre nazioni e idee nazionali e religiose possono essere combattute e contaminate in modi simili. Ecco perché Halbertal dice, giustamente, che la battaglia per l'anima di Israele è in realtà sul significato del giudaismo ai nostri giorni. Yair Golan, ora parlamentare del Meretz, ha tenuto un discorso nel Giorno della Memoria cinque anni fa, quando era vice capo di stato maggiore dell'Idf. "Se c'è qualcosa che mi spaventa nella memoria dell'Olocausto", ha detto, "è identificare i processi nauseanti che stavano avendo luogo in Europa in generale e in Germania in particolare, allora 70, 80 e 90 anni fa, e trovarne i segni qui tra noi, oggi, nel 2016." È stato un discorso coraggioso da fare in uniforme, e ha scandalizzato la destra e probabilmente gli è costato il posto al vertice dell'Idf due anni dopo. Ma quanto si è rivelato accurato questa settimana, con sei membri del partito del Sionismo Religioso che hanno prestato giuramento come nuovi membri della Knesset tra gli allegri discorsi del loro leader sulla pulizia etnica.

Paragonarli ai nazisti è sia troppo facile che una distrazione inutile dalla vera sfida che rappresentano. Smotrich e i suoi tirapiedi non sono che la manifestazione più recente di una malattia che affligge Israele e l'ebraismo qui e ora. Combatterli è la sfida di questa generazione di israeliani ed ebrei ovunque”.

Per quel poco che conta, chi scrive sottoscrive ogni parola di Anshel Pfeffer. 

I veri amici

Quell’accusa infamante

I premi Nobel per la pace Jimmy Carter, Desmond Tutu, Mairead Maguire. Organizzazioni per i diritti umani come Amnesty International, Human Rights Watch. E l’elenco potrebbe proseguire a lungo. Personalità e organizzazioni che hanno denunciato i crimini commessi a Gaza, e per questo sono stati considerati “antisemiti”.

La memoria torna a quell’estate di sangue del 2014. Ci sono anche sette premi Nobel per la Pace tra i 64 firmatari di una lettera aperta nella quale si chiede che venga applicato, nei confronti di Israele, un embargo internazionale per quanto riguarda la vendita delle armi. La lettera-appello è del 21 luglio 2014. La missiva, sul Guardian, chiede che il provvedimento venga preso per i "crimini di guerra e i possibili crimini contro l'umanità a Gaza". "Israele – si legge nella lettera – ha ancora una volta scatenato tutta la forza del suo esercito contro la popolazione palestinese, in particolare quella della Striscia di Gaza, in un atto disumano e in una illegale aggressione militare. La capacità di Israele di lanciare questi attacchi impunemente deriva in gran parte dalla vasta cooperazione militare internazionale che intrattiene con la complicità dei governi di tutto il mondo. Chiediamo alle Nazioni Unite di attuare immediate misure di embargo militare nei confronti di Israele simili a quelle inflitte al Sudafrica durante l'apartheid". Tra i firmatari dell'appello ci sono anche sette premi Nobel per la Pace: si tratta in particolare di Desmond Tutu, Betty Williams, Federico Mayor Zaragoza, Jody Williams, Adolfo Peres Esquivel, Mairead Maguire e Rigoberto Menchu. Ma non solo: il documento è stato sottoscritto anche da importanti accademici come Noam Chomsky e Rashid Khalidi, dai registi Mike Leigh e Ken Loach, dai musicisti Roger Waters e Brian Eno, dagli scrittori Alice Walker e Caryl Churchill e dai giornalisti John Pilger e Chris Hedges. Tra i firmatari, inoltre, ci sono anche due accademici israeliani: Ilan Pappe e Nurit Peled.

La destra israeliana e la stampa mainstream italiana li definirebbe antisionisti e, peggio ancora, antisemiti. Noi, al contrario, li consideriamo dei veri amici d’Israele. Perché un amico, un amico vero, non è quello che giustifica tutto quello che fai, ma che ha il coraggio di dirti che hai sbagliato e che proseguire su una certa strada è un errore esiziale. Vale per i singoli come per i popoli, gi stati e i governi. Israele incluso.