Bocciata la proposta Sanders sul salario minimo: 8 senatori democratici votano con i repubblicani

Il numero così consistente di democratici che ha votato contro la proposta fa avanzare dei dubbi sulla possibilità che Biden possa fare delle politiche di sinistra vere.

Joe Biden e Bernie Sanders

Joe Biden e Bernie Sanders

globalist 5 marzo 2021
Il Senato ha bocciato la proposta, sostenuta da Bernie Sanders, di aumentare il salario minimo federale a 15 dollari all'ora. La colpa è di otto senatori democratici moderati e centristi che hanno votato contro la proposta cavallo di battaglia della sinistra dem, si è unito anche Chris Coons, uno dei più stretti alleati al Senato del presidente Joe Biden che aveva cercato di inserire l'aumento del salario nel pacchetto anti Covid da 1,9 trilioni.
Cosa che, ora che il Senato ha votato 58 a 42 contro la proposta di aggirare il parere negativo che era stato all'inserimento dell'aumento salariale nel pacchetto di intervento, non sarà possibile fare. Il numero così consistente di democratici che ha votato contro la proposta fa avanzare poi dei dubbi sulla possibilità in generale che, Biden possa riuscire, con questi numeri al Senato, con un'altra iniziativa legislativa a mantenere durante il suo primo mandato la promessa fatta alla sinistra dem di far approvare l'aumento del salario minimo.