Crisanti lancia l'allarme sulle riaperture: "Aumenteranno contagi e morti"

Il microbiologo contro la riapertura dei locali: "Gran parte delle persone a rischio e potenzialmente vulnerabili ancora non sono vaccinate. Forse non sono adeguati i ristori?"

Andrea Crisanti

Andrea Crisanti

globalist 21 aprile 2021

Le riaperture decise dal governo poco meno di una settimana fa hanno fatto esultare chi chiedeva a gran voce l’allentamento delle misure, ma quasi tutti i virologi sembrano andarci cauti e anzi lanciano l’allarme per la tempestività con cui queste restrizioni sono state tolte.

Il microbiologo Crisanti è uno di questi: “Riaperture dei locali anche al chiuso? Si è creato un conflitto che obiettivamente ci porta in una situazione che evolverà non in maniera positiva. Da una parte - spiega - ci sono gli interessi di albergatori, ristoratori, di coloro che hanno un bar o anche palestre e piscine, dall'altra l'esigenza delle persone vulnerabili di rimanere vive. Noi sappiamo perfettamente che aprendo in questo modo aumenterà il contagio e sicuramente avremo più morti. Gran parte delle persone a rischio e potenzialmente vulnerabili ancora non sono vaccinate, questo - sottolinea il microbiologo - è da tenere presente".

"Mi chiedo - continua Crisanti - perché in Inghilterra dove hanno fatto quattro mesi di chiusura durissima nessuno si è lamentato. Probabilmente i ristori non sono adeguati? Allora bisogna risolvere il problema dei ristori, non delle aperture. Stiamo trovando la soluzione che peggiora la situazione".

Per il microbiologo, "stavolta la politica si è presa la responsabilità, questo è un elemento di chiarezza, poi giudicheranno gli elettori. Invece in Spagna la situazione non è così positiva come si dice: a Madrid il tasso di contagio è di 350 casi ogni 100mila abitanti", spiega ancora.

Come si spiega la situazione critica in Germania, nonostante l'alto numero di vaccini? "La Germania - replica Crisanti - ha tenuto le scuole molto più aperte di quanto non abbia fatto l'Italia, poi ha anche un livello di industrializzazione molto elevato ed è una regione molto più popolosa dell'Italia, anche con interconnessione molto più elevato dell'Italia".