L’Ema rassicura sul vaccino Johnson&Johnson: “Trombosi molto rare"

L'Agenzia Europea del farmaco riconosce "possibili" legami ma sottolinea che "sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati"

Vaccino Johnson&Johnson

Vaccino Johnson&Johnson

globalist 20 aprile 2021

Si stanno spazzando via tutti i dubbi riguardo ai nessi tra vaccini ed eventi trombotici, rilevati per le somministrazioni Johnson&Johnson.

L'Agenzia europea del farmaco evidenzia che nella somministrazione di Janssen, "i benefici superano i rischi".

Lo si legge in una nota dell'Agenzia Ue, al termine della revisione sul siero.

L'Ema riconosce "possibili" legami di causa-effetto tra il vaccino e gli eventi "molto rari" di trombosi cerebrale che si sono verificati negli Usa, ma sottolinea che "sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati".

"La scelta sul vaccino J&J è di competenza nazionale" - "La valutazione scientifica dell'Ema è alla base dell'uso sicuro ed efficace dei vaccini Covid-19. Le raccomandazioni dell'Ema sono la base su cui i singoli Stati membri dell'Ue attueranno le loro campagne di vaccinazione nazionali. Questi possono differire da Paese a Paese a seconda delle esigenze e circostanze nazionali". Si legge in una nota dell'Ema al termine della revisione del vaccino di Johnson & Johnson.