L'allarme di Pregliasco: "I contagi raddoppieranno a metà marzo"

Il virologo: "L'attuale situazione è dovuta alle varianti, per Milano servirebbe un lockdown duro e puro"

Il virologo Fabrizio Pregliasco, dell'università degli Studi di Milano

Il virologo Fabrizio Pregliasco, dell'università degli Studi di Milano

globalist 5 marzo 2021

Una situazione che è in costante peggioramento e ancora molti tendono a sottovalutarla. Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano e direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi, fa il punto su ciò che ci aspetta nelle prossime settimane, un dramma a livello nazionale: “L’attuale prospettiva è quella del raddoppio dei casi nelle prossime settimane, per arrivare a metà del mese di marzo con il doppio dei casi. Le misure restrittive stanno ‘rompendo le palle’ a molte persone, lo so, e le scelte politiche non sono facili, ma purtroppo dobbiamo ancora chiedere ulteriori misure stringenti”, ha aggiunto precisando che “l’attuale situazione è dovuta alle varianti”.

Il cordone sanitario intorno a Milano ”è una soluzione che speriamo funzioni. In questo momento il lockdown duro e puro sarebbe più efficace: questa è una mediazione rispetto alla praticabilità, fattibilità e accettabilità”, dice il virologo. 

Per Pregliasco, l’esercito garantisce equità distributiva: “La presenza di esercito, protezione civile e volontariato garantisce un’equità distributiva e un flusso omogeneo per non creare, in questo grande desiderio e anche aspettativa sulle vaccinazioni, scoordinamento e disorganizzazione” e avere invece “modalità che omogenizzino e velocizzino il tutto”.