Open Arms, Salvini fa di nuovo la vittima: "Dovrebbero processare i delinquenti veri"

Il leader della Lega: "Di solito un presunto colpevole rinnega, io rivendico con orgoglio di aver salvato vite"

Salvini

Salvini

globalist 8 gennaio 2021

In vista dell’udienza preliminare che si svolgerà domani, torna a parlare della vicenda Open Arms Matteo Salvini.

Sembra un disco rotto e le sue dichiarazioni sono sempre le stesse: "Continuo a essere tranquillo, ma sono dispiaciuto perché ritengo che la giustizia italiana potrebbe investire tempo e denaro nei confronti di delinquenti veri. Però, come tutti i cittadini, se sono chiamato andrò in tribunale a Palermo come a Catania a testa alta, orgoglioso di quello che ho fatto".

Il leader della Lega: "Di solito un presunto colpevole rinnega - ha aggiunto - io rivendico con orgoglio di aver salvato vite, di avere difeso confini, dignità e sicurezza. I morti in mare sono aumentati dopo la mia uscita dal ministero".

"Non solo rifarei tutto ma lo rifarò - ha poi sottolineato Salvini - lo dico in anticipo. Salvare vite, combattere trafficanti di esseri umani, proteggere i confini e la sicurezza di un paese sono un dovere di un ministro". "Diciamo che almeno dopo un passaggio a Catania passo a Palermo, dalla Sicilia orientale alla Sicilia occidentale", ha aggiunto.