Della Rocca (Meretz): "Il conflitto a Gaza rafforza solo Netanyahu"

Il medico veterinario italiano che fa parte del partito israeliano: "Le elezioni slitteranno a ottobre, novembre e da queste Netanyahu uscirà come l'uomo della sicurezza, che infligge duri colpi a Hamas"

Netanyahu

Netanyahu

globalist 17 maggio 2021
Roberto Della Rocca, medico veterinario italiano che fa parte del partito israeliano Meretz è convinto che "Il conflitto rafforzerà Netanyahu'' e farà saltare la possibilità di far nascere un ''governo del cambiamento, un governo di unità in Israele''.
Ha poi continuato: ''Netanyahu è uno dei pochi contenti del conflitto''.
''Avevamo l'occasione di formare un governo di centro, centrosinistra, ma l'operazione della Striscia di Gaza ha rovinato questa possibilità'' e ora ''non vedo come possa formarsi un governo''.
La prospettiva, invece, è quella di ''elezioni a ottobre, novembre'' e da queste ''Netanyahu uscirà come l'uomo della sicurezza, che infligge duri colpi a Hamas. Anche se non è così, non ha fatto niente e ha permesso l'arrivo dei soldi dal Qatar alla Striscia di Gaza''.
Meretz, partito sionista di sinistra che conta sei deputati in Paramento, tra cui due arabi, ''nel governo che si sarebbe formato avrebbe avuto il ministero della Sanità e delle Politiche ecologiche'', ha spiegato il medico, esperto di malattie trasmesse dagli animali all'uomo.
''Netanyahu è riuscito a salvarsi per l'ennesima volta'', ha proseguito, affermando che ''in Israele quando c'è una crisi che riguarda la sicurezza ci vogliamo tutti bene...''.
Nei Territori palestinesi, invece, Della Rocca spiega che ''è interesse comune di Israele e di Abu Mazen (il presidente palestinese Mahmoud Abbas, ndr) che non si tengano elezioni. Abu Mazen ha paura che vinca Hamas e che governi ufficialmente l'Anp. Il che metterebbe fine a tutte le cooperazioni con Israele''.
Della Rocca ha detto di ''conoscere personalmente Abu Mazen e lui odia Hamas molto più di noi. Quando Hamas ha preso il potere nella Striscia di Gaza ha trucidando più di 300 esponenti dell'Olp''.