Salvini difende le riaperture: "Galli e Crisanti contrari? Altri medici sono d'accordo"

Il leader della Lega: "Noi chiediamo quello che chiedono non solo tanti ristoratori ma anche tanti medici perché le chiusure fanno danni psicologici difficilmente rimediabili".

Salvini

Salvini

globalist 19 aprile 2021
Ospite a Un Giorno da Pecora, Matteo Salvini cavalca la voglia di riaperture a tutti i costi attacando sia Galli che Crisanti, dato che entrambi i medici hanno espresso perplessità sul riaprire tutto con i numeri attuali, rischiando - in caso di una nuova impennata dei contagi - di essere costretti a richiudere il Paese a ridosso del periodo estivo. 
Salvini, che era stato il primo a definire le riaperture come una vittoria della Lega, ora fa marcia indietro: "Non ha vinto Salvini, aspetto che la scienza si pronunci, noi chiediamo quello che chiedono non solo tanti ristoratori ma anche tanti medici perché le chiusure fanno danni psicologici difficilmente rimediabili".
Riguardo poi all'opposizione di Galli e Crisanti Salvini aggiunge: "C'è la metà della comunità scientifica che dice altro, certo, se uno sta rinchiuso a vita non rischia di fare un incidente in auto o di essere rapinato. Quanto al coprifuoco Salvini ha risposto: "Non penso che le 22, le 23 o le 24 facciano la differenza, confido nel buon senso degli italiani, nel senso di responsabilità e della misura".